• diminuisci dimensione carattere
  • diminuisci dimensione carattere
  • aumenta dimensione carattere
  • dimensione carattere
 Il Ticino » Notizie » San Matteo 

San Matteo, oltre 2 milioni e 150mila euro nel 2018 per la "ricerca corrente"   versione testuale

Le aree strategiche a cui devono riferirsi i progetti sono da una parte Trapiantologia e Terapia Cellulare, dall'altra Medicina di Precisione


Nei prossimi giorni uscirà il bando 2018 per la “ricerca corrente” al San Matteo di Pavia, la base per le attività di ricerca della Fondazione, quella diretta “a sviluppare la conoscenza nell’ambito della biomedicina e della sanità pubblica”. Il finanziamento di quest’anno prevede un impegno di spesa di 180.000 euro per progetto di ricerca. Dieci, e della durata di tre anni, quelli che saranno selezionati per l’accesso ai fondi. Prevista anche un’ulteriore quota di investimento pari a 360.000 euro, destinata a garantire la continuità di programmi di ricerche che non risulteranno vincitori del bando e che pure sono di particolare rilievo innovativo e strategico per il San Matteo. I progetti saranno valutati da una apposita commissione disposta dal Comitato Tecnico Scientifico della Fondazione (CTS), organismo che nell’ottobre scorso ha anche selezionato una serie di temi sui cui dovranno concentrarsi i ricercatori. Le aree strategiche a cui dovranno riferirsi i progetti? Due, essenzialmente, quelle che alimentano la vocazione di IRCCS del Policlinico: la Trapiantologia e la Terapia Cellulare da una parte; la Medicina di Precisione dall’altra. Per quanto riguarda il primo ambito si segnalano, fra gli altri, i temi relativi alla biologia dei “donatori marginali”; all’uso dei sistemi di assistenza ventricolare; alle tecniche di controllo del rigetto per migliorare l’outcome del trapianto di polmone; al controllo delle infezioni dei pazienti trapiantati; alla terapia cellulare in ambito oncologico ed ematologico; al trattamento di varie patologie con cellule mesenchimali staminali. Per quanto concerne la medicina di precisione, i temi proposti dal CTS sono, fra gli altri, l’immunoterapia; i biomarcatori e l’imaging molecolare; il rapporto fra nuove tecnologie e nuove terapie; l’oncogenetica; i target molecolari; la personalizzazione delle strategie di terapia biologica; le neoplasie associate ad agenti infettivi.

stampa pagina segnala pagina condividi