• diminuisci dimensione carattere
  • diminuisci dimensione carattere
  • aumenta dimensione carattere
  • dimensione carattere
 Il Ticino » Notizie » Il premio 

Il premio letterario "Prose Awards" al neurolinguista pavese Andrea Moro   versione testuale

Il riconoscimento assegnato per il suo recente libro "Le lingue impossibili"


Nell’ambito della annuale cerimonia che si tiene a Washington dal 1976, l’Associazione degli Editori Americani (AAP) ha annunciato i vincitori dei prestigiosi premi letterari “Prose Awards” per l’eccellenza nella scienza e nelle professioni, edizione 2017. Tra i vincitori di quest’anno c’è anche Andrea Moro, professore di Linguistica generale, neurolinguista e responsabile dell’Area di Scienze Cognitive, Comportamentali e Sociali alla Scuola Universitaria Superiore IUSS Pavia dove ha fondato il NEtS (Neurocognition, Epistemology and theoretical Syntax Research Center). A Moro è stata attribuita la menzione d’onore per il suo nuovo libro, uscito pochi mesi fa a Boston per MIT Press: “Le lingue  Impossibili” (Impossible Languages). Ad assegnargli il premio una giuria composta da personalità nel campo dell’editoria, tra cui editori e librai, e da autorevoli accademici delle più prestigiose università degli Stati Uniti. Nel campo dell’editoria professionale e scientifica americana i Prose Awards sono ritenuti i premi letterari scientifici di maggiore prestigio degli Stati Uniti. Vengono conferiti ad opere che si caratterizzano per essere pioneristiche nel loro settore di ricerca scientifica, innovative nel contenuto e concezione, e che costituiscono un punto di riferimento nel loro settore.  “Le lingue Impossibili” fotografa lo stato dell’arte nella ricerca dei fondamenti biologici del linguaggio umano, dal punto di vista di un protagonista della ricerca neurolinguistica. 

 


stampa pagina segnala pagina condividi