• diminuisci dimensione carattere
  • diminuisci dimensione carattere
  • aumenta dimensione carattere
  • dimensione carattere
 Il Ticino » Notizie » La Sacra Scrittura 

La Sacra Scrittura di domenica 2 dicembre   versione testuale

Il commento di don Michele Mosa. "Farò germogliare per Davide un germoglio giusto"


Sboccia. Si apre alla vita. Ma tu attorno a te vedi la natura addormentarsi. Il mio Dio sorride: sta nascendo un germoglio. Io invece sono triste: ormai è inverno. Avvolto nella sciarpa, rintanato in casa: ho freddo. Lui, il Padre mi invita a uscire, a spalancare occhi e cuore. E finestre: fa caldo. Il calore che avvolge una vita nascente. Il calore che respiri quando sei in famiglia. Apriti al sorriso: quel germoglio ti guarda e imparerà da te che la vita è bella. Anche se fa freddo. Anche se scende il buio. La vita è sempre un dono. Germogli che fioriscono: questa è l’opera di Dio. Questa è la creazione che accade davanti a me, ma io non me ne accorgo. Abbiamo bisogno di alzare lo sguardo: l’uomo è uno strano essere vivente: le sue radici sono in cielo. Non può respirare fango. Non può camminare con gli occhi rivolti alla terra. Come il germoglio deve aprirsi al cielo. Questo è l’Avvento: tempo di attesa. Di gestazione. Di nascite. Ma la nostra Italia non è più abituata ai germogli. Le sue culle sono quasi tutte vuote. Signore, ti prego: aiutami a guardare le stelle. Aiutami ad alzare lo sguardo. Fa’ che sappia sentire il leggero suono del germoglio che fiorisce.

 

Don Michele Mosa


stampa pagina segnala pagina condividi