• diminuisci dimensione carattere
  • diminuisci dimensione carattere
  • aumenta dimensione carattere
  • dimensione carattere
 Il Ticino » Notizie » Una camminata 

Venerdì 24 maggio una camminata in ricordo di Andy Rocchelli   versione testuale

Nel quinto anniversario della morte del fotoreporter pavese ucciso in Ucraina. In serata S. Messa in Seminario celebrata dal Vescovo Andrea Migliavacca


Una camminata in ricordo di Andy Rocchelli, il 30enne fotografo pavese ucciso in Ucraina nella regione del Donbass mentre stava effettuando un reportage sulle sofferenze della popolazione civile. L'iniziativa, che ha come titolo "Da barriere a ponti", si terrà venerdì 24 maggio, nel quinto anniversario della morte di Rocchelli. Il corteo partirà alle 7.30 dalla piazzetta di Pavia recentemente intitolata al giovane fotoreporter morto cinque anni fa, per muoversi poi verso il centro di Pavia e dirigersi al Palazzo di Giustizia dove, alle 9.30, avrà luogo la quattordicesima udienza del processo che vede imputato, per l'omicidio di Rocchelli, il 29enne italo-ucraino Vitaly Markiv, militare della Guardia Nazionale Ucraina. 
«Vogliamo sensibilizzare l'opinione pubblica - spiegano gli amici di Andy, organizzatori dell'evento - sull'importanza del ruolo che giornalisti e fotografi hanno negli scenari di guerra. Il loro lavoro permette a chiunque di comprendere ciò che realmente avviene nei contesti interessati da conflitti bellici. Andy cercava di dare voce a chi non aveva voce. Per questo, capire come realmente è morto è un diritto e allo stesso tempo un dovere».
La camminata non sarà la sola iniziativa dedicata al fotoreporter pavese nell'anniversario della sua scomparsa. Sempre venerdì 24 maggio, alle 19, al Seminario vescovile di Pavia si terrà una S.Messa in suo ricordo, celebrata dal Vescovo di San Miniato (Pisa) e amico di Andy, Monsignor Andrea Migliavacca. Nel corso della settimana inoltre l'istituto scolastico "Alessandro Volta" di Pavia dedicherà a Andy Rocchelli la riqualificazione delle barriere anti-terrorismo dislocate nel centro storico della città, che verranno dipinte e trasformate idealmente in strumenti di comunicazione e racconto.

stampa pagina segnala pagina condividi