• diminuisci dimensione carattere
  • diminuisci dimensione carattere
  • aumenta dimensione carattere
  • dimensione carattere
 Il Ticino » Notizie » Educazione 

Educazione a sicurezza e prevenzione: accordo a Pavia tra Ats, Inail e Ufficio Scolastico    versione testuale

Il nuovo protocollo d’intesa punta alla sensibilizzazione e alla formazione degli studenti


Rendere effettiva nella scuola, anche attraverso percorsi formativi interdisciplinari, l’educazione alla sicurezza e alla prevenzione. E’ lo scopo del nuovo protocollo d’intesa siglato all’inizio del mese di agosto tra Ats di Pavia, Inail e Ufficio Scolastico Territoriale, con lo scopo di promuovere e realizzare un programma su medio periodo che preveda azioni comuni di sensibilizzazione e formazione di giovani studenti circa prevenzione e sicurezza: la firma dell’accordo è stata presentata ufficialmente giovedì 1° agosto alla presenza della dottoressa Mara Azzi, direttore generale dell’ATS di Pavia, della dottoressa Maria Aurelia Lavore (direttore territoriale reggente dell’Inail pavese), della dottoressa Francesca Mondelli (direttore ad interim dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Pavia) e del professor Danilo del Pio, in rappresentanza dell’Ufficio Scolastico provinciale. "Siamo convinti che sia fondamentale fare qualcosa per contenere la piaga terribile degli incidenti sul lavoro, anche perché sembra sempre che le istituzioni non facciano abbastanza - ha sottolineato la dottoressa Mara Azzi -. Per questo motivo la collaborazione tra enti con competenze diverse è importante per avviare momenti formativi volti a prevenire gli infortuni sul lavoro, sempre a tutela della salute di tutti. Avviare iniziative di formazione solo sul luogo di lavoro è riduttivo ed è per questo che abbiamo deciso di puntare anche sulle scuole. Condividere dati e competenze e affrontare il problema da più punti di vista significa fare cultura educativa e lavorare in sinergia". "Indirizzare queste iniziative agli studenti significa tutelare l'interesse pubblico e tutelare la salute di tutti", ha commentato Francesca Mondelli; "Educare i bambini significa far arrivare in famiglia buone prassi - ha precisato Danilo del Pio -. In passato mancavano le sensibilità su questo tema mentre oggi qualcosa si sta muovendo. Oggi è necessario lavorare anche su salute mentale e fisica, disagio, ma anche integrazione sociale e scolastica perché la sicurezza parte anche da questi elementi". Anche la scuola, d'altronde, può essere sede di pericoli e infortuni: "in provincia di Pavia gli incidenti ad alunni nelle sedi scolastiche sono aumentati del 26% - ha precisato Maria Aurelia Lavore -. Questo significa che è necessario lavorare ancora di più su un tema particolarmente delicato". 

 

 

Simona Rapparelli


stampa pagina segnala pagina condividi